Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

L'incidente con un elicottero militare avvenuto nel marzo 2011 nella Maderanertal, nel canton Uri, è stato causato dal fatto che il pilota, non rispettando il regolamento, volò in una nuvola, perdendo l'orientamento e andando a urtare il suolo.

Responsabile del sinistro è stato quindi l'istruttore che era a bordo del velivolo: l'infrazione è però stata giudicata lieve ed è stata regolata solo con una sanzione di natura disciplinare, ha indicato un portavoce della giustizia militare confermando una notizia pubblicata ieri dal SonntagsBlick. Questo perché si è tenuto conto delle circostanze difficili e del fatto che l'interessato, ferito gravemente, ha subito in modo considerevole le conseguenze dell'accaduto stesso.

Il Cougar delle Forze aeree svizzere era precipitato il 30 marzo verso le 15.30 durante un volo d'istruzione. I due piloti, rimasti incastrati nell'abitacolo, avevano subito gravi ferite, mentre il terzo membro dell'equipaggio, l'assistente di volo, aveva riportato lesioni leggere.

Le operazioni di soccorso si erano rivelate molto difficili, anche a causa del maltempo. I piloti erano rimasti incastrati per ore tra i rottami sul luogo dello schianto, a 2300 metri di quota in una spessa coltre di neve. Il primo pilota aveva potuto essere liberato dall'abitacolo solo verso le 22.00, il secondo alle 24.00.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS