Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

I principali candidati all'Eliseo, con Jean-Luc Mélenchon al centro e Marine Le Pen alla sua sinistra.

KEYSTONE/EPA AFP POOL/PATRICK KOVARIK / POOL

(sda-ats)

Un ballottaggio fra estremismi, una sfida a chi è più euroscettico: lo scenario di una Frexit, con corsa preventiva dei francesi a ritirare i risparmi dalle banche, viene evocato a 4 giorni dal primo turno delle presidenziali.

I timori di un astensionismo ancora più alto del previsto agitano ambienti del governo: i calcoli degli analisti dicono che favorirebbe i candidati più radicali. E un ballottaggio Le Pen-Mélenchon non è più da escludere.

L'ultimo sondaggio, firmato dal Cevipof, il centro ricerche di Sciences Po, vede i favoriti impegnati in una volata all'ultimo respiro: quattro in 4 punti, Emmanuel Macron al 23%, Marine Le Pen al 22,5%, François Fillon al 19,5% e Jean-Luc Mélenchon al 19%.

Il candidato di En Marche! vanta un'impennata di elettori "sicuri" di votarlo, ma le vere certezze campeggiano fra Le Pen e Mélenchon, da anni portatori di progetti a tinte forti e dagli accenti populisti.

Fonti vicine al ministero dell'Interno francese hanno detto all'Agenzia italiana ANSA che c'è il timore di una astensione-monstre al primo turno delle presidenziali domenica prossima, molto superiore al 30% previsto dai sondaggi.

"Con un'astensione addirittura vicina al 50% - dicono all'ANSA le fonti - si rischia che al secondo turno vada chiunque dei quattro di testa".

L'ipotesi che un'ondata di panico possa sopraffare i risparmiatori, spaventati da una corsa fra due candidati uno più euroscettico dell'altro, è ufficialmente "tabù", ma alcuni alti dirigenti bancari ne hanno parlato con BFM-TV: "Sì - ha detto uno di loro - se vanno avanti i due candidati che predicano un'uscita dall'euro c'è un rischio reale di prelievi massicci da parte dei risparmiatori".

Un rischio, aggiungono i banchieri, "da prendere molto sul serio". Anche se, spiega un funzionario, si tratta di rischi "gestibili": "La Banque de France ha uno stock di liquidità abbondante, che consente di far fronte al problema nella lunga durata", praticamente diversi mesi.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS