Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Nei primi nove mesi del 2013, Ems-Chemie ha registrato vendite in crescita del 7% su un anno a 1,44 miliardi di franchi. Lo ha comunicato oggi la società attiva nelle specialità chimiche controllata dalla famiglia Blocher, precisando che in monete locali la progressione ha raggiunto l'8,3%.

Senza tener conto delle acquisizione nell'Europa centrale e dell'Est nel settore dei polimeri, le vendite sono cresciute nel periodo in rassegna del 3,6%.

Stando al comunicato, le entrate hanno evidenziato un'evoluzione differente a seconda dei mercati. Mentre la produzione industriale è risultata in discesa in Europa nel terzo trimestre, sui mercati asiatici e americani il trend è stato positivo.

Nel segmento dei polimeri, il fatturato è salito del 10,1% a 1,24 miliardi. In monete locali, la progressione è stata dell'11,6% (6% senza le acquisizioni).

I ricavi derivanti dalla vendita di nuovi prodotti hanno più che compensato la contrazione del giro d'affari in Europa, ha precisato il gruppo con sede a Herrliberg (ZH), ma il cui principale sito produttivo è ubicato a Domat-Ems (GR).

Nella nota l'azienda precisa di aver sviluppato nuove applicazioni per il settore automobilistico e per le telecomunicazioni, con elementi destinati a smartphone e tablet. Ems-Eftec, che produce per l'industria dell'auto, ha racimolato quote di mercato grazie all'espansione nell'Europa dell'Est e centrale, e all'apertura di nuovi siti produttivi in Asia.

Il segmento delle specialità chimiche ha invece registrato un'evoluzione nettamente meno positiva, con ricavi in flessione dell'8,6% a 201 milioni. Espressa in monete locali, la diminuzione è stata dell'8,4%. Il gruppo spiega tale contrazione con la congiuntura sfavorevole in Europa, suo mercato di riferimento.

Per i prossimi mesi, Ems-Chemie indica che la congiuntura dovrebbe evolvere in modo favorevole. In Europa dovrebbe essere raggiunto il punto più basso della recessione. Per l'insieme dell'esercizio, la società stima ricavi superiori a quelli del 2012 e un'espansione dell'Ebit leggermente superiore al fatturato.

Nel 2012, Ems-Chemie ha chiuso i conti con un giro d'affari record di 1,75 miliardi e un utile netto di 273 milioni.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS