Navigation

Epstein: negato a Maxwell l'allentamento restrizioni carcere

La giustizia statunitense ha negato a Ghislaine Maxwell un allentamento delle restrizioni carcerarie (foto d'archivio) KEYSTONE/AP/Chris Ison sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 26 agosto 2020 - 07:36
(Keystone-ATS)

Il giudice federale Alison Nathan ha negato a Ghislaine Maxwell, la complice di Jeffrey Epstein, un allentamento delle restrizioni carcerarie e lo spostamento dalla cella di massima sicurezza dove si trova.

Nathan, nel motivare la sua decisione, ha spiegato che a Maxwell è consentito per 13 ore al giorno sette giorni su sette l'accesso al materiale per prepararsi al processo. "Non ci sono prove o ragioni di credere che le misure di sorveglianza a cui è sottoposta siano usate in modo improprio", ha detto.

I legali della socialite britannica avevano chiesto fosse rimossa dall'isolamento e che le fosse consentito di essere una delle normali detenute del Metropolitan Detention Center così da potersi preparare al meglio per il processo.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.