Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Scambio studenti - Erasmus+: oltre 10'000 progetti mobilità, record (foto simbolica d'archivio).

KEYSTONE/GIAN EHRENZELLER

(sda-ats)

Nel 2016 il numero di progetti di scambio di studenti presentati e approvati nell'ambito della Soluzione transitoria per Erasmus+ ha segnato un aumento del 12% rispetto al 2015 e ha superato per la prima volta le 10'000 unità.

In tutto 10'781 persone hanno approfittato di una mobilità Erasmus (ad esempio semestre all'estero o stage). La cifra comprende sia gli studenti che partono all'estero (outgoing, uscenti) sia quelli che vengono in Svizzera (incoming, entranti), entrambi in crescita, indica in una nota diramata oggi la Fondazione per la collaborazione confederale (Fondazione ch), l'organo che si occupa del programma. Dal 2017 questo compito passerà alla nuova Fondazione svizzera per la promozione degli scambi e della mobilità (FPSM).

Nell'ambito di Erasmus+ sono stati stanziati quest'anno 25,1 milioni di franchi per i programmi di scambio di ogni livello formativo (scuola dell'obbligo, scuole medie superiori, formazione professionale, livello terziario, formazione degli adulti e settore giovanile extrascolastico), contro 23,9 milioni nel 2015.

La Fondazione ch finanzia le 10'781 mobilità indicate per un totale di 24,88 milioni di franchi (2015: 9650 mobilità, 22,61 milioni). La maggior parte di esse - 8650 (contro le 7874 del 2015) - riguarda il livello terziario, di cui 4789 in uscita e 3861 in entrata. Altre 946 concernono la formazione professionale (2015: 1114), 893 il settore giovanile extrascolastico (senza scadenza in ottobre, 2015: 377), 136 la scuola dell'obbligo e le scuole medie superiori (2015: 235) e 156 la formazione per adulti (2015: 50).

Da quest'anno la Svizzera non è più un Paese membro del programma Erasmus+. Gli Stati europei non versano dunque sovvenzioni in questo ambito per mobilità realizzate in Svizzera. I sussidi per gli studenti che vengono nella Confederazione sono presi a carico dalla Fondazione ch, una condizione "sine qua non" affinché gli studenti svizzeri siano ancora accettati all'estero.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS