Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La decisione del Consiglio federale di prolungare la soluzione transitoria per la mobilità degli studenti non piace alle organizzazioni giovanili, che hanno lanciato oggi una petizione per rivendicare la piena partecipazione a Erasmus+.

Il Consiglio federale e il Parlamento devono riprendere immediatamente i negoziati, afferma la Federazione svizzera delle associazioni giovanili (FSAG): "Non siamo d'accordo con la proposta insufficiente del Consiglio federale".

La Svizzera è esclusa da diversi ambiti a causa della soluzione transitoria, sottolineano i promotori della petizione, fra cui i giovani PPD e Verdi liberali.

I segnali da Bruxelles sono positivi, ma il Consiglio federale non osa puntare su questa soluzione, secondo Luzian Franzini, copresidente dei giovani Verdi. Per il PS la scelta del governo a lungo termine non funziona. "Non abbiamo il diritto di rovinare il futuro della gioventù con la scusa di basse considerazioni finanziarie", ha dichiarato il consigliere nazionale vallesano Mathias Reynard.

La petizione può essere firmata fino al 26 maggio e sarà trasmessa al Parlamento durante la sessione estiva.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS