Navigation

Erdogan: Gerusalemme è sacra, piano Trump inaccettabile

Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan è critico sul Piano di pace per il Medio Oriente del presidente Usa Donald Trump KEYSTONE/AP/BC sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 29 gennaio 2020 - 11:30
(Keystone-ATS)

"Gerusalemme è sacra per i musulmani. Il piano di Donald Trump che mira a dare Gerusalemme a Israele è assolutamente inaccettabile". Lo ha detto il presidente turco Recep Tayyip Erdogan, criticando il progetto per il Medio Oriente del presidente statunitense.

"Il piano ignora i diritti dei palestinesi e mira a legittimare l'occupazione israeliana. Non servirà né alla paca né alla ricerca di una soluzione" al conflitto, ha aggiunto Erdogan.

L'Arabia Saudita ha invece espresso "apprezzamento" per gli "sforzi" di Trump e del suo Piano di pace per il Medio Oriente.

Gerusalemme resterà "capitale sovrana e indivisa dello Stato di Israele". Questo è quanto prevede il piano di pace pubblicato dalla Casa Bianca dopo l'annuncio di Trump. La "capitale sovrana dello Stato di Palestina" sorgerà, secondo il piano, nelle aree della parte est di Gerusalemme che si trovano, a nord e a est, oltre l'esistente barriera di separazione tra la parte israeliana e quella palestinese.

In particolare il piano indica la futura zona della capitale palestinese in aree come Kafr Aqab, la parte est di Shuafat o Abu Dis. "Queste - si sottolineato nel piano - potranno essere chiamate Al Quds (come i palestinesi indicano Gerusalemme) o con il nome che sarà scelto dallo Stato palestinese".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.