Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

BERNA - Con lo scopo di migliorare l'immagine dell'esercito, la polizia militare ha deciso di aumentare la sua presenza nelle stazioni e sui treni. Le forze armate puntano in particolare a fronteggiare i soldati che compiono reati legati alla disciplina, agli stupefacenti e alle prescrizioni relative alle munizioni.
Durante l'anno in corso saranno pertanto effettuati, oltre ai controlli di routine, "anche diversi interventi su larga scala nei punti nodali e sui treni con lo scopo di favorire un comportamento corretto da parte dei militari", afferma un nota odierna del Dipartimento federale della difesa (DDPS).
Contattato dall'ATS, il portavoce dell'esercito Christoph Brunner ha affermato che gli agenti della polizia militare sono armati di pistola, manganello e spray al pepe. In casi estremi - per esempio in caso di pericolo - la sicurezza militare potrà intervenire anche nei confronti di civili. La polizia civile viene in ogni caso sistematicamente chiamata, ha aggiunto.

SDA-ATS