Navigation

Esercito annulla all'ultimo minuto uscita in una scuola elementare

L'esercito era stato invitato a una scuola elementare zurighese, ma ha rinunciato all'ultimo minuto all'evento (immagine simbolica). KEYSTONE/PETER KLAUNZER sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 05 dicembre 2019 - 08:33
(Keystone-ATS)

L'esercito aveva programmato per oggi una gita promozionale, con presentazione di quattro carri armati, in una scuola elementare del canton Zurigo. Ma alla fine, all'ultimo minuto, ha annullato l'evento, che era stato pianificato nei dettagli.

È il comandante responsabile dell'iniziativa che ha deciso l'annullamento, ha detto stamani a Keystone-ATS un portavoce dell'esercito, confermando un'informazione pubblicata sul sito di 20 Minuten.

Per spiegare questa decisione, il portavoce invoca emissioni inutili, problemi tecnici e la necessità di maggiori requisiti di formazione per gli ufficiali che avrebbero dovuto gestire l'evento promozionale. Il comandante ha deciso l'annullamento dell'iniziativa alla vigilia della sua tenuta, in occasione della valutazione quotidiana delle attività del suo reggimento. Poco prima 20Minuten.ch aveva chiesto all'esercito le ragioni e lo scopo di questa operazione.

La visita di una brigata meccanizzata di Coira a Hombrechtikon, comune sul lago di Zurigo, era stata preparata su iniziativa dei genitori, spiega la scuola elementare. Secondo il portale di 20 Minuten, armi e attrezzature dovevano essere presentate agli scolari. I ragazzi, di quinta elementare, avrebbero poi potuto fare un giro nei carri armati.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.