Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Esercizio moderato può rallentare progressione Alzheimer (foto simbolica d'archivio).

KEYSTONE/AP/RICH PEDRONCELLI

(sda-ats)

Fare esercizio fisico moderato quotidiano potrebbe allontanare i sintomi dell'Alzheimer nelle persone con un alto rischio genetico.

Lo suggerisce uno studio pubblicato dal Journal of Alzheimer's Disease, secondo cui l'attività migliora il metabolismo del glucosio in aree del cervello in cui questo viene di solito peggiorato dalla malattia.

Lo studio dell'università del Wisconsin ha esaminato 93 persone di mezza età con precedenti familiari per Alzheimer ma ancora senza sintomi dotandole di un accelerometro per verificarne l'attività fisica. Ai soggetti è stata anche fatta una tomografia ad emissione di positroni (Pet) particolare in grado di verificare la presenza di glucosio nel cervello. Nei soggetti che facevano esercizio moderato per almeno 68 minuti al giorno, scrivono gli autori, è stato notato un miglior metabolismo del glucosio proprio in corrispondenza delle aree cerebrali più affette dalla malattia.

"Questo studio - concludono - ha implicazioni per guidare la 'prescrizione' di esercizi che proteggono il cervello dall'Alzheimer. Mentre molte persone si scoraggiano perché pensano che possono fare poco per proteggersi dalla malattia, questi risultati suggeriscono che l'attività fisica moderata può rallentarne la progressione".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS