Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

I social network risultano fortemente rallentati in Turchia dopo l'attacco kamikaze di stamani nel centro di Istanbul, che ha provocato almeno 5 morti - tra i quali l'attentatore suicida - e 36 feriti, tra cui 12 stranieri.

Sia Facebook che Twitter avevano già funzionato a singhiozzo domenica scorsa, dopo l'autobomba esplosa nel centro di Ankara, sempre per ostacolare la diffusione di immagini, video e notizie degli attacchi. Una censura sulle immagini dell'esplosione è stata inoltre imposta ai media locali, come avviene puntualmente in casi simili.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS