Navigation

Esportazioni, calo in luglio, aumento a parità giorni lavorativi

Questo contenuto è stato pubblicato il 23 agosto 2011 - 11:27
(Keystone-ATS)

Malgrado l'apprezzamento del franco, le esportazioni svizzere sono aumentate anche in luglio, a parità di giorni lavorativi. L'export è progredito in termini nominali del 3,3%, mentre le importazioni sono cresciute del 2,4%. I prezzi delle merci hanno subito una flessione in ambedue le direzioni. La bilancia commerciale ha chiuso con un surplus di 2,8 miliardi di franchi, precisa l'Amministrazione federale delle dogane (AFD) indicando che quest'anno vi è stato un giorno di lavoro in meno.

Lo scorso mese le esportazioni hanno raggiunto 16,65 miliardi di franchi, in calo dello 0,7% rispetto al luglio 2010. In termini reali risulta un incremento del 4,8%. I prezzi in media sono scesi del 5,3%, segno che le imprese hanno dovuto fare concessioni a causa della forza del franco. A parità di giorni lavorativi in termini reali si ha un +9,2%. Rispetto al mese di giugno risulta una progressione nominale dell'1,6% (in dati destagionalizzati).

Le importazioni si sono ridotte dell'1,6% a 13,82 miliardi di franchi (in termini raeli: +1,9%). I prezzi dell'import sono calati del 3,5%; escludendo i prodotti farmaceutici, la flessione è del 2,6%.

Il settore vincente del commercio estero elvetico è quello orologiero, con una crescita in luglio del 21,2% a 1,7 miliardi di franchi. In aumento anche il settore alimentare, bevande e tabacchi (+2,2% a 605 milioni) grazie alle vendite di caffè. In positivo anche l'industria delle macchine e dell'elettronica, con un +1,2% (a 3,15 miliardi di franchi). I prezzi del settore mostrano una riduzione del 4,2%. Il miglioramento deriva unicamente dal comparto delle macchine tessili e da quello dei macchinari per la lavorazione di metalli, osserva l'AFD.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?