Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

BERNA - Le esportazioni svizzere in agosto sono salite del 10,9% (+8,6% reale) a 14,4 miliardi di franchi, mentre le importazioni hanno avuto un incremento del 23,6% (+24,9% reale) a 13,9 miliardi. Lo ha indicato l'Amministrazione federale delle dogane (AFD), aggiungendo che la bilancia commerciale, con un'eccedenza di 568 milioni di franchi, ha subito un calo di due terzi.
Secondo un comunicato odierno, l'incremento è dovuto in parte alla presenza di un giorno lavorativo in più rispetto all'agosto 2009. Nell'esportazione si è segnalata una perdita di dinamismo calcolata su base corretta, mentre le importazioni, galvanizzate da una maggiore penetrazione e da fattori inconsueti, sono salite nettamente.
Aumenti anche per l'export dell'orologeria, che nel mese di agosto ha raggiunto 1,07 miliari di franchi, registrando una crescita del 24,1% rispetto al mese corrispondente dell'anno passato. La progressione è stata del 38,2% per gli orologi in oro, per un valore complessivo di 314,7 milioni di franchi.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS