Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

A luglio le esportazioni svizzere sono aumentate del 5% a 19,3 miliardi di franchi, trascinate dai settori della gioielleria e della chimica-farmaceutica. Le vendite sono progredite in particolare in Europa e Asia. Le importazioni sono invece diminuite del 3,5%, a 15,3 miliardi. La bilancia commerciale chiude così con un aumento record di 4 miliardi, fa sapere oggi l'Amministrazione federale delle dogane (AFD).

Le esportazioni orologiere svizzere proseguono nella loro crescita, sebbene moderatamente. A luglio sono aumentate del 2,2% rispetto allo stesso mese del 2013, raggiungendo i 2,1 miliardi di franchi.

La crescita ha riguardato gli orologi bimetallici e in platino, mentre quelli in acciaio hanno segnato una stagnazione, precisa la Federazione orologiera.

Sono calate le esportazioni verso Hong Kong (-1,8%) e Stati Uniti (-0,8%), cresciute enormemente invece quelle verso la Cina (+49%), l'aumento maggiore degli ultimi 30 mesi.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS