Il presidente tunisino, Beji Caid Essebsi, ha definito "legittime" le manifestazioni che da giorni interessano la Tunisia, e in particolare la provincia di Kasserine, al confine con l'Algeria.

Per il capo dello stato "queste manifestazioni rispettano la Costituzione, però -ha sottolineato- "non devono degenerare". Essebsi imputa l'alto tasso di disoccupazione e la povertà delle aree rurali "all'eredità che ci ha lasciato il passato regime di Ben Ali con più di 700 mila disoccupati, 250 mila dei quali laureati". I manifestanti, che due giorni fa si sono scontrati con la polizia, chiedono maggiori investimenti e opportunità di lavoro nella loro terra.

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.