Navigation

Estonia: sequestratore è fanatico e solitario come Breivik

Questo contenuto è stato pubblicato il 12 agosto 2011 - 14:59
(Keystone-ATS)

Un fanatico politico solitario, come lo stragista norvegese Anders Behring Breivik: così la polizia estone ha descritto oggi l'uomo che ieri ha fatto irruzione con una pistola nel ministero della difesa di Tallin sparando, lanciando un fumogeno e prendendo due ostaggi prima di essere ucciso dalla polizia.

L'uomo, fa sapere la polizia, si chiamava Karen Drambjan, 57 anni, nato in Armenia ma naturalizzato estone dal 1993. Divorziato e padre di due figli, era l'autore di un manifesto politico diffuso su internet prima delle elezioni europee del 2009, nel quale incitava alla rivolta la minoranza russa dell' Estonia, circa un quarto degli 1,3 milioni di abitanti dell'ex repubblica sovietica baltica.

In esso sosteneva che "l'Estonia ha preso la strada della guerra civile" che porterà un "bagno di sangue, una destabilizzazione criminale e una totale povertà". Per gli estoni autoctoni noi (russi) siamo solo delle pecore o degli schiavi e siamo qui solo per riempire le casse del Paese e assicurare la loro prosperità", scriveva.

Drambjan era iscritto a un piccolo partito non rappresentato in parlamento, il Partito della sinistra unificata, succeduto al partito comunista estone di epoca sovietica.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?