Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Finisce alla Corte Costituzionale il processo Eternit bis. Il giudice delle udienze preliminari (gup), Federica Bompieri, ha sollevato una questione di costituzionalità. Il processo, dunque, verrà interrotto in attesa di una pronuncia della Consulta.

La questione sollevata dal giudice riguarda il "ne bis in idem", principio in base al quale non si può essere processati due volte per lo stesso fatto.

L'imputato, l'imprenditore svizzero Stephan Schmidheiny, era stato prosciolto per prescrizione da una precedente accusa di disastro ambientale doloso. Qui risponde a titolo di omicidio volontario della morte, provocata da malattie da amianto, di 258 persone.

A margine dell'udienza preliminare la procura di Torino ha fatto sapere che contesterà in aggiunta altri 94 casi di morte da amianto. I pubblici ministeri Raffaele Guariniello e Gianfranco Colace si stanno preparando a contestare i nuovi casi in modo da formalizzare l'accusa nell'ipotesi in cui la Corte Costituzionale decidesse che il processo possa riprendere.

L'avvocato Astolfo Di Amato, uno dei legali di Schmidheiny, ha dichiarato che "siamo molto soddisfatti perché fin dall'inizio abbiamo posto il problema del "ne bis in idem" e il giudice ha riconosciuto che il problema esiste". Secondo il legale la decisione della Consulta "sarà una sentenza importante non solo per questo processo, ma anche in tutti gli altri processi in cui si porranno gli stessi problemi".

In particolare "il giudice ha inviato gli atti alla Corte costituzionale perché chiarisca se la norma italiana sia conforme a quella europea" e cioè se il principio del "ne bis in idem" "si riferisca al fatto storico o al fatto giuridico". Secondo la difesa infatti " non si può processare due volte una persona per lo stesso fatto storico e lo abbiamo sostenuto sulla base anche della giurisprudenza della Corte europea dei diritti dell'uomo", ha sottolineato l'altro legale di Schimidheiny, l'avvocato Guido Carlo Alleva.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS