Navigation

Euro: verso la rinuncia a monete da 1-2 centesimi?

Le monete più piccole sono spesso d'impaccio, ma rinunciarvi potrebbe avere un impatto sui prezzi delle merci. KEYSTONE/AP/MICHAEL PROBST sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 28 settembre 2020 - 13:15
(Keystone-ATS)

La Commissione Ue ha avviato oggi una valutazione d'impatto sull'uso delle monete da 1 e 2 centesimi di euro, e a fine 2021 deciderà se proporre di dismetterle oppure no.

Bruxelles consulterà istituzioni, autorità pubbliche, industria e società civile, attraverso una consultazione pubblica che durerà 15 settimane. La valutazione è richiesta dal regolamento che chiede alla Commissione di esaminare periodicamente l'utilizzo dei diversi conii, in particolare quelli da 1 e 2 centesimo.

La Commissione deciderà alla fine del 2021 se presentare una proposta legislativa che introduca regole per un arrotondamento uniforme per i pagamenti in contante, e quindi una dismissione delle monetine da 1 e 2 centesimo. "La Commissione valuterà attentamente l'impatto economico, ambientale e sociale dell'introduzione dell'arrotondamento dei prezzi", scrive Bruxelles.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.