Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Un'immagine della partita di ieri sera mostra la maglia di Granit Xhaka, a sinistra, che si strappa durante un contrasto di gioco.

Keystone/JEAN-CHRISTOPHE BOTT

(sda-ats)

Puma, la marca tedesca che produce e fornisce le magliette della Nazionale svizzera di calcio, ha ammesso che all'origine dello strappo delle divise rossocrociate durante l'incontro di ieri sera con la Francia a Lilla v'è un errore di fabbricazione.

Un'indagine è stata avviata al fine di capire che cosa abbia portato a questo problema.

Puma ha fatto sapere oggi, tramite una nota, che a rendere le divise della squadra di Vladimir Petkovic così fragili è la tecnologia chiamata ACTV Thermo-R Technologie sviluppata per mantenere una temperatura corporea ottimale.

In precedenza un responsabile della comunicazione di Puma aveva dichiarato che "le nostre altre 4 squadre (Italia, Austria, Slovacchia e Repubblica ceca, ndr) non hanno avuto questo tipo di problema finora durante questi Europei. La nostra squadra-prodotti sta studiando in queste ore il tessuto delle maglie" della Nazionale elvetica.

Ieri sera la squadra allenata da Vladimir Petkovic è stata costretta a sostituire ben sette magliette perché strappate durante i contrasti di gioco. È quello che è successo ai giocatori svizzeri Embolo, Mehmedi, Dzemaili e Xhaka (tre volte) durante la partita con la Francia a Lilla. Intanto sui social network si è scatenata una gara alla battuta più feroce.

Fra le battute nel dopopartita, si segnalano quella folgorante dell'attaccante Xherdan Shaqiri raccolta dal quotidiano svizzerotedesco Blick: "spero che Puma non fabbrichi anche preservativi". E quella dell'ex centravanti inglese Gary Lineker, commentatore per la Bbc: "maglie Puma che si strappano come fossero di carta, pallone Adidas che si buca... Non si può più fare affidamento nemmeno sull'efficacia tedesca!".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS