Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il franco svizzero ha toccato oggi il livello più basso rispetto all'euro dal marzo scorso. La moneta unica europea si cambiava stamane ad oltre 1,07 franchi.

A fine mattinata, sul mercato dei cambi l'euro valeva 1,0716 franchi, pari a un aumento di 3 centesimi rispetto a metà luglio. Per gli esperti, il mercato sta reagendo con ritardo all'accordo tra le Grecia e i creditori internazionali.

Scartato il rischio di un'uscita di Atene dall'euro, il franco svizzero ha perso un po' della sua attrattiva quale bene rifugio per eccellenza.

Il franco si è indebolito anche rispetto al dollaro: verso le 11.00, il biglietto verde si scambiava a 0,983 franchi, il livello più alto da quattro mesi.

L'indebolimento del franco, se si confermerà, rappresenta una buona notizia per l'economia elvetica. Stando alle ultime analisi del Centro di ricerca congiunturale del Politecnico federale di Zurigo (KOF), l'economia nazionale non ha ancora digerito lo choc provocato dall'abbandono del tasso minimo di cambio con l'euro. Il KOF ha tuttavia constatato una stabilizzazione della situazione, anche se il clima generale rimane teso.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS