Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

BRUXELLES - I paesi dell'Eurogruppo e la Banca centrale europea hanno promosso le misure aggiuntive prese da Irlanda e Portogallo per risanare i propri conti pubblici e i propri sistemi finanziari.
"Siamo fiduciosi che le autorità irlandesi saranno in grado di portare avanti il loro piano pluriennale di risanamento", ha detto il presidente dell'Eurogruppo, Jean-Claude Juncker, al termine della riunione informale dei ministri di Eurolandia.
Promosse anche le misure del Portogallo: "le decisioni prese dal governo vanno nella giusta direzione, il piano di Lisbona porterà alla diminuzione del debito", ha detto il presidente della Bce, Jean Claude Trichet.
Da parte sua il commissario europeo alla concorrenza Joaquin Almunia ha accolto con favore la "chiarezza del governo irlandese" sugli aiuti assegnati alle sue banche in difficoltà.
"Saluto le dichiarazioni sul settore bancario che apportano della chiarezza concernente il resto dei trasferimenti attivi a Nama (la 'bad bank' creata per collocare i titoli tossici) e sul bisogno in capitali di certe banche e società immobiliari", dichiara Almunia in un comunicato stampa.
Il commissario esprime un giudizio favorevole sul piano di ristrutturazione previsto: "risponde alle distorsioni della concorrenza create dai grandi quantitativi di aiuti in gioco", sottolinea Almunia.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS