Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Tra giugno e luglio di quest'anno la maggior parte del continente europeo è stato colpito da una grave siccità, una delle peggiori mai registrate dal 2003.

Lo afferma l'ultimo rapporto del Joint Research Centre della Commissione Ue, secondo il quale tra le aree più colpite c'è anche il Nord Italia, insieme alla Spagna settentrionale e poi soprattutto Francia, Benelux, Germania, Ungheria e Repubblica Ceca.

Questa straordinaria siccità, spiegano i ricercatori, è causata da una combinazione di fattori: in primis una carenza prolungata di pioggia e temperature eccezionalmente elevate, come del resto evidenziato anche dagli ultimi dati del Noaa (l'agenzia federale Usa per la meteorologia) secondo i quali lo scorso mese di luglio è stato a livello globale il mese più caldo da quando c'è disponibilità dei dati, cioè dal 1880.

Immagini satellitari e modelli informatici, spiegano gli scienziati, hanno rivelato che la siccità in Europa, causata da carenza di pioggia dal mese di aprile, ha già modificato il contenuto di umidità dei suoli e influito sulle condizioni della vegetazione nel mese di giugno. Le stesse aree sono state poi interessate dalla eccezionale ondata di caldo che ha raggiunto valori record.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS