Navigation

Ex ministro esteri Kiev, nessuna pressione da Joe Biden

Pavlo Klimkin KEYSTONE/LAURENT GILLIERON sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 28 settembre 2019 - 08:51
(Keystone-ATS)

L'ex ministro degli esteri ucraino Pavlo Klimkin ha negato le affermazioni di Donald Trump secondo cui l'allora vicepresidente Joe Biden fece pressioni per far licenziare il procuratore generale ucraino Viktor Shokin per proteggere suo figlio Hunter da un'indagine.

Klimkin ha riferito alla Bbc che a insistere per il siluramento di Shokin nel 2016 - quando lui era capo della diplomazia ucraina - fu tutta la comunità internazionale, dalla Ue agli Usa, e che non c'è "assolutamente" alcuna prova che la sua rimozione sia avvenuta per motivi diversi dalla corruzione.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.