Navigation

Ex ostaggi Pakistan atterrano a Zurigo e ringraziano per sostegno

Questo contenuto è stato pubblicato il 17 marzo 2012 - 16:28
(Keystone-ATS)

La coppia bernese rapita nel luglio del 2011 in Pakistan è rientrata oggi in Svizzera. I due ex ostaggi sono atterrati all'aeroporto di Zurigo alle 13.30 e sono stati accolti da parenti e amici. Entrambi hanno voluto ringraziare i membri della task force che si è impegnata per la loro liberazione, si legge in una nota del Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE).

Davanti ai media, i due hanno manifestato gioia per essere di ritorno in Svizzera e, ringraziando le persone e le autorità mobilitatesi per la loro liberazione, hanno tenuto ad esprimere dispiacere per aver causato "preoccupazioni e dolore a tanta gente".

Abbiamo vissuto vissuto momenti incredibilmente difficili, hanno spiegato, "che ci hanno lasciato un'impronta indelebile per il resto della nostra esistenza". "Durante la prigionia - hanno aggiunto - abbiamo costantemente vissuto nell'incertezza e temendo per la nostra vita. Dopo lunghe riflessioni, abbiamo infine deciso di tentare comunque la fuga, nonostante i gravi rischi che avremmo corso. Grazie a questa decisione, oggi abbiamo ritrovato la libertà."

"Ora dovremo elaborare le pesanti esperienze vissute - hanno concluso - e non sappiamo ancora quanto tempo ci occorrerà. Per questo motivo preghiamo i media di concedere a noi e alle nostre famiglie la tranquillità necessaria a ritrovare la serenità."

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?