Navigation

Ex repubblicano rinuncia a candidatura indipendente Casa Bianca

Justin Amash getta la spugna. KEYSTONE/AP/J. Scott Applewhite sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 16 maggio 2020 - 21:19
(Keystone-ATS)

Justin Amash, il deputato del Michigan che lo scorso anno ha lasciato il Partito Repubblicano in aperta polemica con Donald Trump, ha rinunciato a candidarsi da indipendente alla presidenza.

"Dopo aver riflettuto a lungo, ho concluso che le circostanze non indicano un mio successo come candidato alla presidenza quest'anno", ha scritto su Twitter Amash, che nelle scorse settimane aveva detto di star valutando una sua candidatura contro il sistema bloccato e polarizzato dei due partiti.

Ora però ha espresso la convinzione che, nel mezzo della pandemia di coronavirus con le regole di distanziamento sociale, non è il 2020 l'anno giusto per sperare in una candidatura di successo di un "terzo partito". Il deputato 40enne è arrivato a Capitol Hill con la "rivoluzione conservatrice dei Tea Party" del 2010.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.