Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

L'ex top manager di UBS Raoul Weil, arrestato il 19 ottobre scorso a Bologna su mandato di cattura internazionale spiccato dagli Stati Uniti, che lo accusano di aver aiutato facoltosi clienti americani a evadere il fisco, ha dato il suo assenso all'estradizione negli USA.

Il 54enne Weil, di nazionalità svizzera, approva l'estradizione "perché è sempre stato pronto a confrontarsi con queste accuse", scrive il suo avvocato Aaron Marcu dello studio legale Freshfields Bruckhaus Deringer di New York in un'e-mail inviata alla Reuters.

Il banchiere 54enne, cittadino svizzero, è stato responsabile dell'amministrazione patrimoniale presso UBS. Cinque anni or sono è stato accusato di aver cospirato con altri non nominati dirigenti di UBS per aiutare 17'000 clienti americani a celare al fisco 20 miliardi di dollari. Alcuni mesi dopo è stato dichiarato "fuggitivo". Dopo essere stato incriminato ha lasciato UBS. Attualmente è direttore del Reuss Private Group, una società con sede a Freienbach (SZ) attiva nella gestione patrimoniale.

Le manette ai suoi polsi sono scattate durante un viaggio con la moglie. Weil e consorte si sono annunciati in albergo del centro di Bologna. Come da regolamento l'hotel ha passato i dati dei suoi ospiti alla polizia, che si è attivata constatando che Weil era ricercato.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS