Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

"Per Expo 2015 c'è la volontà, da parte del governo e di tutti i soggetti interessati, di andare avanti con i programmi stabiliti. Continueremo a collaborare con le istituzioni coinvolte, attenti, come è stato sin dall'inizio, ad evitare ogni possibile infiltrazione mafiosa o della criminalità. Ognuno deve fare la sua parte, come è giusto che anche la Procura della Repubblica faccia la sua". Lo ha dichiarato questa sera a Pavia (dove è intervenuto per un incontro della campagna elettorale del Nuovo Centro Destra) il ministro Maurizio Lupi, che ha analizzato i possibili futuri sviluppi di Expo dopo gli arresti di oggi.

"In giornata - ha spiegato Lupi - mi sono sentito con il commissario Sala, con il premier Renzi e con il ministro Martina. Martedì prossimo faremo una visita all'area dell'Expo. Verificheremo con attenzione le notizie giunte oggi. Chi ha sbagliato, se questi errori verranno confermati, si assumerà fino in fondo le sue responsabilità. Abbiamo l'opportunità di organizzare un grande evento per il Paese, ma è necessario che questo progetto possa crescere e svilupparsi nella massima trasparenza".

SDA-ATS