Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

"All'alba vincerò" ha cantato ieri sera Andrea Bocelli sul palco allestito in piazza Duomo per il concerto di apertura di Expo 20125. E oggi si scoprirà se la scommessa dell'esposizione universale è vinta.

Certo l'avvio, trasmesso in mondovisione, ha voluto mostrare il meglio dell'Italia (con alcune fra le arie d'opera più conosciute) e anche del sito, con un collegamento per mostrare ai telespettatori cosa offre Expo.

Sul palco la presentatrice Antonella Clerici, insieme a Paolo Bonolis, hanno fatto gli onori di casa per il pubblico a casa e quello presente in piazza, gli oltre tremila ospiti (fra cui la moglie di Matteo Renzi, Agnese, ma non il premier italiano, politici come Debora Serracchiani e i ministri Maurizio Martina e Gian Luca Galletti, chef come Oldani, calciatori come Hernanes, l'ex Ct della nazionale italiana Marcello Lippi) e gli oltre 20 mila, che hanno approfittato dello spettacolo gratuito in piedi, riempiendo piazza Duomo e anche parte della Galleria.

Ovviamente presenti l'attuale sindaco Giuliano Pisapia e l'ex Letizia Moratti, che per prima ha voluto Expo a Milano, l'attuale governatore Roberto Maroni e il suo predecessore Roberto Formigoni. L'inizio è stato con Verdi. L'orchestra e il coro della Scala e dell'Accademia scaligera, dirette da Marco Armiliato, hanno eseguito l'ouverture dell'Attila. E Bocelli si è esibito (con le soprano Diana Damrau e Maria Luigia Borsi, il tenore Francesco Meli e il baritono Simone Piazzolla) in brani conosciuti come il brindisi della Traviata, "Di quella pira" dal Trovatore, "E lucean le stelle" da Tosca. Impossibile rinunciare al "Và, pensiero".

Sul palco è però salito anche il pianista cinese Lang Lang, ormai una star internazionale (che agli ultimi Grammy si è esibito insieme a Pharrel Williams) che oltre a un duetto con Bocelli ha suonato il rondò alla Turani Mozart e un brano del cinese Li Hunzhi. Il pianista ha anche accennato Nessun dorma con il pianoforte usato da Puccini per comporre Turandot. Aria cantata da Bocelli accompagnato dal l'orchestra e dal coro della Scala.

La serata è stata l'occasione per mostrare i padiglioni dell'esposizione e accendere, in collegamento, l'albero della vita, la struttura simbolo del padiglione Italia. "Domani mattina (Stamane ndr.) alle 10.00 vi aspettiamo", ha detto il commissario di EXPO Giuseppe Sala.

Bis e fine trasmissioni con il più grande classico della canzone italiana, "Ò sole mio".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








Teaser Longform The citizens' meeting

Non mancate il nostro approfondimento sulla democrazia diretta svizzera

1968 in Svizzera

SDA-ATS