Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Expo 2015 Milano: posata la prima pietra del padiglione svizzero

Quattro torri contenenti acqua, sale, caffè e fettine di mele a simboleggiare sostenibilità, responsabilità, innovazione e tradizioni, caratterizzeranno il padiglione con il quale la Confederazione parteciperà all'Expo 2015 di Milano. Lo ha annunciato Dante Martinelli, Commissario generale della Svizzera a Expo 2015, dando il via, questa mattina, alla cerimonia di posa della prima pietra. "Una partecipazione - ha sottolineato - fortemente voluta dalla Confederazione, tra i primi Paesi a sottoscrivere il contratto con Expo".

Durante la cerimonia, alla quale erano presenti anche il presidente del Consiglio di Stato ticinese Manuele Bertoli, il direttore di Presenza svizzera Nicolas Bideau e il direttore generale della divisione partecipanti di Expo 2015 Stefano Gatti, è stato più volte evocato il carattere simbolico del padiglione, a partire dalla prima pietra, una scheggia di granito proveniente dal massiccio del San Gottardo: "Una pietra solida - ha spiegato Bideau - vicina alle tradizioni e allo stesso tempo alla base di molti progetti sostenibili nel mondo".

La realizzazione del padiglione, le cui infrastrutture sono riciclabili al 75%, rappresenta "una grande sfida logistica, oltre che un importante esempio di collaborazione pubblico-privato", ha affermato Gatti.

La struttura sarà terminata entro gennaio 2015, mentre le esposizioni e gli spazi interni saranno allestiti entro fine febbraio 2015. La fase di test è prevista per i mesi di marzo e aprile in modo da aprire le porte del Padiglione svizzero il primo maggio 2015. E, ha sottolineato Gatti, "considerando il Dna svizzero, c'è da stare sicuri che i tempi verranno rispettati".

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.