Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La diplomazia russa ha inviato oggi una nota all'ambasciatore svizzero a Mosca per protestare contro l'episodio di ieri mattina quando un caccia F/A-18 si è avvicinato troppo all'aereo che trasportava a Ginevra il presidente della camera bassa del parlamento russo.

Berna ha presentato le proprie scuse, ma anche precisato che le autorità di Mosca erano state avvertite.

Secondo il Dipartimento federale della difesa (DDPS) quella di ieri era una procedura di volo del tutto normale. Le Forze aeree effettuano missioni simili 300-350 volte all'anno, ha precisato all'ats Peter Minder, responsabile della comunicazione.

La presenza sull'aereo russo del presidente della Duma (la camera bassa del parlamento russo), Serghiei Narishkin, diretto a Ginevra per la riunione dell'Unione interparlamentare, non era nota all'aviazione militare svizzera che compie numerose missioni di questo tipo in base all'ordinanza sulla salvaguardia della sovranità dello spazio aereo. L'episodio di pericolo si è verificato alle 10.20 nei cieli di Bienne.

In un comunicato le autorità russe contestano questo stato di cose e affermano che la Svizzera avrebbe dovuto avvertire la Russia "preventivamente". Su questo punto il Dipartimento federale degli affari esteri si difende affermando: "La Svizzera ha avvertito oralmente e per iscritto le autorità russe della condotta di controllo".

La replica di Mosca: il tentativo di certi responsabili svizzeri di presentare l'incidente come una procedura standard sembra "poco convincente", secondo il ministero degli esteri, che invita Berna e impedire in futuro "simili incidenti rischiosi".

In un primo momento ieri si era parlato di un caccia francese coinvolto nell'episodio e Mosca aveva rivolto accuse a Parigi, poi si era scusata una volta chiarito che si trattava di un velivolo svizzero.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS