Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Arriva una nuova bocciatura dal mercato per Facebook. Alla prima occasione, oggi scadeva il primo dei lock up previsti dopo il collocamento, c'è stata la corsa alla vendita e il titolo ora vale circa la metà dei 38 dollari chiesti con l'Ipo appena tre mesi fa.

Si è accesa 'luce verde' per Dst Global, Goldman Sachs, Elevation Partners e Accel Partners e sono state 'liberate' 271,1 milioni di azioni che ora potrebbero finire sul mercato, andandosi ad aggiungere ai 421 milioni già in circolazione (altri 1,3 miliardi di titoli sono attesi sul mercato entro la fine dell'anno). Solo nella prima ora di scambi a Wall Street sono passate di mano 62 milioni di azioni, un volume doppio rispetto alla media degli ultimi 30 giorni, portando il titolo del social network a toccare un nuovo minimo a 19,79 dollari (-6%).

I mercati hanno da subito dubitato della valutazione data al titolo che ha portato a un Ipo secondo alcuni 'gonfiata' sia nel prezzo (la forchetta di prezzo è stata alzata a pochi giorni dalla quotazione dai precedenti 28-35 a 34-38 dollari per azione) che nei volumi, con un'offerta ampliata del 25% offrendo 3 miliardi più del previsto per complessive 421,2 milioni di azioni, raccogliendo 16 miliardi di dollari per una valutazione della società pari a 104 miliardi. La prima doccia fredda è arrivata al debutto, dove chi si aspettava un gran balzo è rimasto deluso dalle quotazioni rimaste poco sopra il prezzo del collocamento (+0,61% a 38,23 dollari).

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS