Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il Ticino non ha affatto bisogno di una seconda galleria stradale al San Gottardo: porterebbe solo nuovi problemi, in particolare nel Sottoceneri, e attirerebbe il doppio di camion in transito.

È quanto ha ribadito oggi la consigliera nazionale Marina Carobbio in occasione del tradizionale falò organizzato dall'Iniziativa delle Alpi per sottolineare l'importanza della salvaguardia dell'ambiente montano.

All'evento, svoltosi fra Hospenthal (UR) e il passo del San Gottardo, hanno preso parte circa 150 persone, indica una nota odierna dell'associazione, nella quale si precisa che a causa del forte pericolo di incendi il falò è stato acceso solo simbolicamente.

Per la consigliera nazionale bernese Regula Rytz (Verdi/BE) "Doris Leuthard e la maggioranza del parlamento vogliono sabotare la volontà popolare di trasferire su ferrovia il traffico delle merci con la dinamite e le fresatrici al Gottardo".

Secondo Jon Pult (PS/GR), presidente dell'Iniziativa delle Alpi, anch'esso citato nel comunicato, le regioni di montagna resteranno vivibili solo se sono protette dal traffico di transito e se si rafforzerà l'economia locale. "Proprio in questi tempi di cambiamenti climatici, ha rilevato, la protezione delle Alpi ha assunto una particolare importanza per le giovani generazioni."

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS