Navigation

Famiglie Congo contro Big Tech, 'sfruttati i baby minatori'

Bambino in miniera di cobalto (archivio) KEYSTONE/AP/SCHALK VAN ZUYDAM sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 16 dicembre 2019 - 17:40
(Keystone-ATS)

Alcune famiglie congolesi hanno fatto causa ad Apple, Google, Dell, Microsoft e Tesla accusandole di essere complici nella morte o nella mutilazione di bambini costretti a lavorare in condizioni pericolose nelle miniere.

Da queste viene estratto il cobalto usato per le batterie che alimentano smartphone, laptop e auto elettriche. Lo scrive il Guardian, secondo cui è la prima volta che queste aziende si trovano davanti ad una azione legale del genere.

La causa è stata presentata a Washington dall'ong locale International Rights Advocates per conto di 14 genitori e bimbi della repubblica democratica del Congo. Le famiglie chiedono i danni per lavoro forzato e ulteriori indennizzi per ingiusto arricchimento, supervisione negligente, imposizione intenzionale di stress emotivo.

Nella denuncia si sostiene che le compagnie tecnologiche citate incoraggiano società minerarie come Glencore, che a loro dire sfruttano il lavoro minorile, pagando i baby minatori due dollari al giorno e facendoli lavorare in condizioni rischiose in tunnel sotterranei che spesso crollano.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.