Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Avere una storia familiare di tumore tra parenti di primo grado non solo fa aumentare il rischio di sviluppare un tumore analogo, ma anche di sviluppare un altro tipo di tumore in altre parti del corpo. Lo dimostra uno studio condotto in Svizzera e in Italia, pubblicato sulla rivista Annals of Oncology.

I ricercatori, italiani, svizzeri e francesi, hanno analizzato i dati di 12.000 neoplasie, riguardanti 13 diversi tipi di tumore, diagnosticate tra il 1991 e il 2009. I casi sono poi stati confrontati con 11.000 individui non affetti da tumore.

I risultati hanno confermato associazioni già note, come l' aumento del rischio di sviluppare un certo tumore in coloro che hanno un parente di primo grado con lo stesso tipo di tumore, o il rischio di tumore alla mammella aumentato una volta e mezza nelle donne con storia familiare di tumore del colon-retto.

Hanno inoltre evidenziato un rischio di tumore del cavo orale e della faringe più che triplicato in coloro che hanno un parente di primo grado con diagnosi di tumore alla laringe, e anche un rischio di tumore dell'esofago quattro volte maggiore per coloro che hanno un parente di primo grado con diagnosi di tumore del cavo orale e della faringe. I risultati dello studio hanno anche mostrato che, se un parente stretto ha avuto diagnosi di tumore della mammella, i membri (femmine) della famiglia hanno un rischio di tumore dell'ovaio più che duplicato.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS