Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Inversione di rotta per i prezzi mondiali dei principali prodotti agricoli che, a partire dal 2015, resteranno nell'insieme bassi per il prossimo decennio. È quanto emerge dall'ultimo rapporto congiunto Ocse-Fao 2016-2025 Agricoltural Outolook, presentato oggi a Roma.

A determinare questa nuova situazione, secondo il rapporto, sono l'aumento della produttività, il basso costo del petrolio e l'attuale buon livello mondiale di riserve. Tutto questo però non basterà ad eliminare la fame perché, secondo il rapporto, occorrerà mettere in pratica azioni concrete con politiche mirate e congiunte.

L'analisi, nel suo particolare focus, mostra anche che in Africa Sub Sahariana il tasso di denutrizione nei prossimi 10 anni dovrebbe diminuire tra il 23% e il 19%, ma a causa della rapida crescita demografica la regione continuerà a rappresentare una parte crescente della popolazione che soffre la fame.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS