Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

L'amministratore delegato di Fca Sergio Marchionne.

KEYSTONE/AP/CARLOS OSORIO

(sda-ats)

Fca (Fiat Chrysler Automobiles) sarebbe sotto indagine del Dipartimento di giustizia statunitense per la presunta mancata comunicazione del software che ha consentito di violare gli standard sulle emissioni. Lo riporta l'agenzia Bloomberg citando alcune fonti.

La possibilità di un'azione penale sulle violazioni delle emissioni segue la denuncia dell'Epa (Environmental Protection Agency, Agenzia per la protezione dell'ambiente) che ha rinvenuto su 104'000 auto Fca un software che ha consentito la violazione delle norme sulle emissioni.

L'amministratore delegato di Fca, Sergio Marchionne, ha spiegato nelle varie conferenze telefoniche seguite alla denuncia dell'Epa di attendersi le "indagini del Dipartimento di giustizia", che di solito vanno a braccetto con quelle dell'Epa. Fca è già nel mirino del Dipartimento di giustizia, che ha iniziato a indagare lo scorso anno sulle pratiche delle vendite di Fca.

L'autorità starebbe valutando se Fca abbia gonfiato o meno i dati sulle vendite. Anche la Securities and exchange commission (Sec, l'autorità di vigilanza sui mercati finanziari degli Usa), ha aperto un'indagine sul caso.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS