Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Al neoconsigliere nazionale Tim Guldimann sarà pagato l'aereo per raggiungere Berna, affinché durante le sessione possa fare il pendolare fra la sua residenza di Berlino e la città federale.

L'ex ambasciatore è stato eletto come svizzero all'estero nel canton Zurigo, sulla lista ordinaria del PS.

Mentre i parlamentari che vivono nella Confederazione hanno diritto a un abbonamento generale di prima classe, Guldimann potrà farsi rimborsare un volo di andata e ritorno in classe economy per sessione, nonché un numero illimitato di altri voli per le sedute delle commissioni. Avrà inoltre diritto a un rimborso di distanza di 400 franchi a viaggio.

Una volta a Berna riceverà gli stessi contributi versati agli altri parlamentari, vale a dire 115 franchi al giorno per il vitto e 180 per il pernottamento. Versamenti che si estenderanno anche al fine settimana, se rimarrà a Berna.

Guldimann non ha intenzione di trasferirsi nella Confederazione: "sono uno svizzero all'estero e gli svizzeri all'estero vivono all'estero", ha affermato ai microfoni di Radio 1, aggiungendo che accetterà i rimborsi.

Guldimann non è il primo rappresentante della quinta Svizzera in parlamento, ma è il primo che è stato eletto come tale. Nella legislatura 1999-2003 Ruedi Baumann (Verdi/BE) e Stephanie Baumann (PS/BE) erano stati eletti quali "indigeni" ma durante il loro periodo in carica si erano trasferiti in Francia.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS