Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

PLR e PS in crescita, Verdi liberali in lieve rialzo e flessioni - seppure in modo contenuto - per UDC e PPD - e più marcato - per Verdi e PBD. È quanto risulta dal barometro elettorale della SRG SSR a quasi sei mesi dalle elezioni federali, realizzato da gfs.bern.

Emerge anche che la questione che più preoccupa i cittadini è quella della migrazione, seguita da rapporti con l'Ue, disoccupazione, ambiente, sanità e sicurezza sociale.

Se si votasse oggi - il sondaggio è stato realizzato tra l'11 e il 19 marzo presso circa 2000 elettori in tutte le regioni del paese - il primo partito rimarrebbe comunque l'Unione democratica di centro, con il 26,2% dei favori popolari (-0,4 punti rispetto alle elezioni federali del 2011), seguito dal Partito socialista con il 19,6% (+0,9) e dal Partito liberale radicale (16,3%), che con un aumento di 1,2 punti risulterebbe la formazione con la maggiore progressione. Al quarto posto risulterebbe il Partito popolare democratico, con l'11,8% (-0,5). I Verdi si attesterebbero al 7,5% (-0,9), ma non verrebbero raggiunti dai "cugini" Verdi liberali che si fermerebbero al 5,6% (+0,2).

Più distaccato il Partito borghese democratico di Eveline Widmer-Schlumpf, che otterrebbe il 4,6% delle preferenze (-0,8). Seguono partiti minori, quali il Partito evangelico (PEV, 1,9%) e l'Unione democratica federale (UDF, 1,0%), o quelli presenti solo a livello cantonale, come la Lega dei Ticinesi (0,8%). Il sondaggio ha un margine di errore di +/- 2,2 punti percentuali.

Sommando le percentuali di PPD e PBD, con il 16,4% i due partiti di centro assieme supererebbero, seppur di pochissimo e in modo statisticamente non significativo, il PLR (16,3%). In un'ipotetica alleanza ecologista, Verdi e Verdi liberali assieme otterrebbero invece il 13,1%, una percentuale non sufficiente per superare l'alleanza di centro o i liberali radicali. La polarizzazione, secondo il sondaggio, starebbe inoltre affievolendosi, visto che il PS guadagnerebbe consensi, ma non l'UDC. Le formazioni cosiddette di centro aumenterebbero, ma non più grazie a PVL e PBD, come avvenuto alle elezioni federali del 2011, bensì grazie allo stesso PVL e al PLR. Soprattutto quest'ultimo partito eserciterebbe un'attrattiva sugli elettori delusi delle altre formazioni.

Nel loro insieme i partiti di governo - rileva ancora il sondaggio - guadagnerebbero lo 0,4%. Ad eccezione del PLR, i partiti borghesi (UDC, PPD e in maniera maggiore il PBD) manifesterebbero problemi di mobilitazione dell'elettorato. Per quanto riguarda la partecipazione, il 48% degli interpellati dichiara di volersi recare alle urne.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


Sondaggio svizzeri all'estero

Sondaggio

Cari svizzeri all'estero, le vostre opinioni contano

Sondaggio

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS