Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La deputazione ticinese al Consiglio Nazionale rimarrebbe invariata secondo la proiezione della SSR.

Ignazio Cassis e Giovanni Merlini per il PLR, Fabio Regazzi e Marco Romano per il PPD, i due leghisti Lorenzo Quadri e Roberta Pantani, la socialista Marina Carobbio e un UDC. L'unica incognita rimane il seggio democentrista che parrebbe conteso fra Pierre Rusconi e Marco Chiesa.

Dopo lo scrutinio di 126 comuni su 135 Chiesa ottiene 11'251 voti ed è leggermente davanti a Rusconi che ne totalizza 11'129.

La Lega guadagnerebbe 4,2 punti salendo al 21,7% e l'UDC 1,9 punti. Anche il PPD guadagna leggermente mentre perdono il PLR (-1,5%), il PS (-1%) e soprattutto il Verdi (-3,4%).

Dopo lo spoglio delle schede di 52 Comuni ticinesi su 135, i "senatori" uscenti Filippo Lombardi (PPD) e Fabio Abate (PLR) guidano la competizione elettorale, ma per i due seggi al Consiglio degli Stati si profila un ballottaggio generale.

Il capogruppo PPD alle Camere Lombardi per il momento ha ottenuto 4518 suffragi (pari al 38% del totale) e Abate 4101 (34,5%), indica il sito del Cantone. Dopo i due uscenti , poco distanziato, per il momento figura Battista Ghiggia (Lega-UDC) con 3912 preferenze (32,9%).

Seguono Roberto Malacrida (PS, 2296 schede, 19,3%) e Sergio Savoia (Verdi del Ticino, 1439 schede, 12,1%). Germano Mattei (MontagnaViva) e Demis Fumasoli (comunista) sono nettamente distanziati con rispettivamente 780 e 413 schede.

Mediamente nei Comuni scrutinati la partecipazione si è fissata al 53,7%.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS