Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il centro-destra vodese è riuscito oggi a strappare alla sinistra uno dei due seggi al Consiglio degli Stati, dove non era più rappresentato dal 2007.

Il consigliere nazionale liberale-radicale Olivier Français ha estromesso al secondo turno il Verde Luc Recordon, che si presentava per un terzo mandato. È invece stata rieletta brillantemente la socialista Géraldine Savary.

A quest'ultima sono stati attribuiti 81'469 voti, mentre Français ne ha ottenuti 78'068. Recordon arriva al terzo posto, con 74'972 suffragi.

L'ormai ex "senatore" ecologista ha annunciato nel corso di una conferenza stampa di aver deciso di rinunciare alla politica federale. Non siederà dunque nemmeno al Consiglio nazionale, dove cederà il posto alla prima subentrante, la co-presidente nazionale dei Verdi Adèle Thorens.

Municipale di Losanna dal 2000 e consigliere nazionale dal 2007, il 60enne Olivier Français ha beneficiato dell'appoggio del PPD, ma non è escluso che buona parte dell'elettorato UDC lo abbia a sua volta sostenuto. In vista del secondo turno il partito democentrista aveva rifiutato di appoggiare la candidatura dell'esponente PLR, ma diverse sezioni e esponenti del partito hanno preso pubblicamente posizione in suo favore.

Sul piano locale, può inoltre aver pesato sull'ago della bilancia la notorietà di Français in veste di artefice della metropolitana M2 e della futura M3.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS