Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il 10% della popolazione svizzera vive all'estero. In vista delle prossime elezioni federali di ottobre i partiti puntano molto su questa categoria di persone. Oggi è stata la volta di Partito socialista (PS), UDC e Partito liberale radicale (PLR).

Tim Guldimann, Audrey Ruchet-Bach e Thomas Gantenbein: questi i nomi di tre rappresentati degli Svizzeri all'estero candidati al Consiglio nazionale per il PS che si sono presentati in una conferenza stampa odierna a Berna.

Ci sono attualmente circa 700'000 confederati fuori dai confini nazionali, di cui 580'000 con diritto di voto, e il PS dà molta importanza alla cosiddetta "Quinta Svizzera", ha ribadito il consigliere nazionale ginevrino e copresidente dell'intergruppo parlamentare "Svizzeri all'estero" Carlo Sommaruga.

Tim Guldimann, ex ambasciatore residente a Berlino e candidato al Consiglio nazionale nel Canton Zurigo, il primo presente in una lista ordinaria del PS, ha sottolineato come sia importante avere una visione esterna nella cultura politica Svizzera. Per la lista del PS sezione internazionale sono in lizza in Ticino: Nicoletta Gianella residente a Managua (Nicaragua), Elena Riva/Parigi (F), Mielikki Albeverio/Monaco (D) e David Monico/Bruxelles (B).

Alle federali di ottobre anche l'UDC presenterà nelle sue liste candidati che risiedono all'estero, e questo in ben dieci cantoni, nel tentativo di raccogliere il consenso della "Quinta Svizzera".

Ai sette cantoni in cui l'iniziativa era già stata annunciata, se ne aggiungono altri tre. UDC Internazionale avrà quindi candidati a Basilea Campagna, Basilea Città, Ginevra, Grigioni, Lucerna, Sciaffusa, Zugo, Zurigo, San Gallo e Soletta, per un totale di 35 aspiranti al Nazionale.

Anche il PLR ha la sua sezione "International" e punta a ottobre con l'intento di dare una adeguata presenza ai Confederati che vivono all'estero.

In un comunicato odierno afferma di voler migliorare la coesione tra Svizzeri e cittadini espatriati. A tal proposito ha elaborato un "manifesto" con 12 punti. Per il momento non ci sono nomi specifici da parte del PLR sezione internazionale, che preferisce puntare su candidati al Nazionale che abbiano un manifesto interesse per i problemi della"Quinta Svizzera", ma "la lista non è chiusa ed è sempre possibile diventare candidato", scrive il partito nel comunicato, invitando gli interessati ad annunciarsi.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS