Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Una petizione per chiedere l'abolizione dell'imposta sulla birra: è l'idea escogitata dal partito dell'indipendenza up! - formazione politica fondata due anni fa - per lanciare la campagna per le elezioni del Consiglio nazionale del 18 ottobre.

up! (acronimo di "Unhabhängigkeitspartei") è un partito di ispirazione libertaria che si batte per più libertà, più responsabilità, meno Stato e anche meno tasse, ha dichiarato oggi davanti alla stampa a Zurigo Silvian Amberg, perito fiscale e candidato al Consiglio nazionale nel canton Zurigo.

L'imposta sulla birra permette alla Confederazione di incassare ogni anno più di 100 milioni di franchi, ma è considerata dai rappresentanti di up! "ingiusta e arbitraria", perché nessuna imposta analoga viene fatta pagare ai produttori di vino o di sidro.

La petizione - i suoi promotori sperano di raccogliere 5000 firme entro la sessione invernale delle Camere - è un esempio concreto di cosa si può fare in un ambio così astratto come quello delle imposte, ha aggiunto Amberg.

Il partito dell'indipendenza è stato fondato nel giugno 2013 dalla 28enne turgoviese Brenda Mäder, che dal 2010 al 2012 ha presieduto la sezione giovanile del PLR svizzero. Lo scorso novembre è stata creata a Zurigo la prima sezione cantonale.

La formazione dice di ispirarsi ai valori classici del liberalismo, ma si distanzia dalle idee della corrente radicale. I suoi dirigenti sono ad esempio per l'abolizione dell'aiuto allo sviluppo, per la privatizzazione del settore dell'asilo e per la liberalizzazione di tutte le sostanze stupefacenti.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS