Navigation

Fenaco, per la prima volta 7 miliardi di fatturato

Fenaco ha interessi a tutto campo. KEYSTONE/GAETAN BALLY sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 20 maggio 2020 - 17:00
(Keystone-ATS)

Fenaco ha raggiunto per la prima volta nella sua storia la soglia di sette miliardi di fatturato.

Il gigante del commercio controllato dal settore agricolo che comprende marchi quali Volg, Landi, Ramseier e Agrola ha realizzato nel 2019 ricavi per 7,0 miliardi di franchi, in progressione del 3,5% rispetto all'anno prima.

Alla crescita hanno contribuito tutte le unità della cooperativa, si legge in un comunicato odierno. A causa di effetti straordinari, legati fra l'altro alla vendita di due immobili nel 2018, la redditività è invece calata: il risultato operativo Ebit è sceso dell'8% a 121 milioni, mentre l'utile netto si è contratto del 15% a 110 milioni.

Nell'esercizio in corso la società si aspetta una flessione sia a livello di proventi che di utili. Peseranno infatti le conseguenze dell'emergenza coronavirus, che ha comportato anche costi supplementari.

Fenaco è nata nel 1993 dall'unione di sei cooperative agricole con una storia ultracentenaria. Scopo della cooperativa è sostenere i contadini svizzeri nello sviluppo delle loro aziende. Il conglomerato è attivo in vari settori d'attività: offre macchinari agli agricoltori; rileva e commercializza carne, uova, verdura e frutta; trasforma nelle sue industrie i prodotti agricoli in alimenti e in bevande; si occupa direttamente della vendita, con supermercati e distributori di benzina. Oggi Fenaco (il cui nome è una contrazione dell'espressione "fédération nationale des coopératives agricoles") è una realtà che dà lavoro a circa 10'500 persone.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.