Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

I treni hanno ripreso a circolare sulla tratta ferroviaria Basilea-Karlsruhe, chiusa dal 12 agosto a causa di un cedimento del terreno a Rastatt, nel Baden-Württemberg

KEYSTONE/EPA/RONALD WITTEK

(sda-ats)

A partire dalla mezzanotte i treni hanno ripreso a circolare sulla tratta ferroviaria Basilea-Karlsruhe, chiusa dal 12 agosto a causa di un cedimento del terreno a Rastatt, nel Baden-Württemberg (D). Nei giorni di punta è previsto il passaggio di 180 treni merci.

"I treni hanno ripreso a circolare a partire dalle 00.01 senza problemi", ha fatto sapere Deutsche Bahn. I convogli passeggeri hanno ripreso a circolare in orario.

Progressivo ritorno alla normalità anche nel trasporto di merci, che nelle scorse sette settimane ha fortemente risentito dell'interruzione. A partire da giovedì prossimo sulla tratta transiteranno nei giorni di punta 180 convogli merci.

Prima della chiusura forzata, da Rastatt transitavano circa 130 treni passeggeri e 200 treni merci al giorno. Durante l'interruzione, causata dal cedimento del terreno legata ai lavori ad una galleria, gli operatori del settore hanno potuto organizzare il transito su itinerari sostitutivi di 84 treni in media al giorno.

La chiusura della linea ferroviaria tedesca ha avuto come ripercussione anche una crescita dei camion in transito attraverso la Svizzera: aumentati del 6% in agosto al San Gottardo su base annua e del 7% al San Bernardino, secondo i dati dell'Ufficio federale delle strade.

Per i viaggiatori, le ferrovie tedesche hanno organizzato durante le sette settimane di stop 450 bus sostitutivi che hanno trasportato 30'000 persone.

La linea della Valle del Reno fra Baden-Baden e Rastatt è un importante centro nevralgico sull'asse nord-sud, soprattutto per il traffico merci, scrive oggi il servizio stampa delle FFS. I costi logistici dell'interruzione "sono stati enormi", con perdite di guadagno "dell'ordine di milioni". Le ferrovie svizzere stanno intanto valutando la possibilità di avanzare richieste di risarcimento.

Presso la Procura di Baden-Baden sono state inoltrate due denunce contro Deutsche Bahn in relazione alla lunga interruzione del traffico. Le ferrovie tedesche non hanno per il momento voluto esprimersi sulla questione.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS