Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

FRAUENFELD TG - Impegnati al massimo, tenaci e allo stesso tempo corretti: così sono gli "Schwinger", i lottatori svizzeri, e così devono essere anche i cittadini elvetici. Lo ha auspicato la presidente della Confederazione Doris Leuthard, ospite oggi a Frauenfeld della giornata conclusiva della Festa federale di lotta svizzera e delle tradizioni alpigiane.
Questo spirito, che è ampiamente percepibile sui numerosi "ring" di segatura della Festa, è fondamentalmente radicato nella Confederazione e continuerà ad esserlo anche in futuro, ha affermato convinta la Leuthard, esprimendosi davanti a circa 40'000 spettatori.
La recente crisi finanziaria ed economica ha dimostrato che la Svizzera è ben allenata a superare situazioni di stress, a reagire con rapidità e anche ad adattarsi velocemente alle novità.
"I lottatori si prendono cura anche di una meravigliosa tradizione piena di forza simbolica", ha aggiunto la presidente: lo sport risveglia immagini ed emozioni e mantiene quindi viva la tradizione elvetica. Ciò è importantissimo, ora che la globalizzazione tende piuttosto nella direzione dell'estraniamento.
In quest'ottica la Festa federale di lotta svizzera non ha lesinato tradizioni e simboli: le gare sono state accompagnate da un contorno di musica folcloristica, jodel, partite di hornussen (sport di squadra praticato soprattutto nei cantoni di Berna, Soletta e Argovia), sbandieratori e lancio della "pietra di Unspunnen" (un grosso sasso di 83,5 chili).
Oggi pomeriggio la manifestazione raggiungerà l'apice con la finale di lotta, al termine della quale verrà incoronato il re della disciplina.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS