Più passeggeri ma meno utile nel primo semestre per le FFS: i viaggiatori si sono attestati a 1,002 milioni al giorno, il 3% in più dello stesso periodo del 2013, mentre il risultato consolidato ha subito una flessione del 43%, scendendo a 57 milioni di franchi. SBB Cargo International ha chiuso per la prima volta il semestre in attivo, informano le Ferrovie federali in un comunicato odierno.

I ricavi d'esercizio sono aumentati del 3,2% a 4,173 miliardi, grazie alla progressione dei trasporti e agli aumenti delle tariffe. Le spese hanno raggiunto 4,073 miliardi (+3,6%), a causa dell'aumento degli ammortamenti per il materiale rotabile e dei costi del personale nelle divisioni Infrastruttura e Viaggiatori. Per contrastare tale tendenza le FFS hanno introdotto misure di risparmio in tutta l'azienda, e in particolar modo nei servizi amministrativi, che entreranno in vigore nella seconda metà dell'anno.

Il numero di viaggiatori-chilometro è salito dell'1,7%, passando a 8,9 miliardi di chilometri, soprattutto a causa di un aumento esponenziale della domanda nelle regioni dell'Altipiano e in Ticino, come pure nelle ore di punta. Se il numero degli abbonamenti generali è ulteriormente aumentato (+1,6% a 443'000), è calato quello dei metà prezzo (-0,6% a 2,34 milioni).

La puntualità è migliorata rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente, passando dall'87,3 all'89,6%. Le coincidenze garantite si sono mantenute su un livello elevato (97,4 rispetto al 97,5 percento del 2013).

La prestazione totale di trasporto nel traffico merci è salita del 27% a 7637 milioni di tonnellate-chilometro nette, una progressione dovuta ai nuovi trasporti sull'asse nord-sud. Dopo il risultato positivo registrato nel 2013, FFS Cargo resta in attivo anche nella prima metà del 2014: rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente, il risultato è cresciuto di 3 milioni, passando a 15 milioni di franchi. Anche SBB Cargo International ha registrato un andamento positivo a cui hanno contribuito in maniera determinante i nuovi trasporti e gli aumenti di produttività; ne è risultato un utile pari a 1,1 milioni di franchi (+3,9 milioni).

Analogamente al 2013, il risultato del segmento infrastruttura ha risentito delle misure supplementari di manutenzione alla rete ferroviaria. Ne è conseguita una perdita di 61 milioni di franchi (anno precedente: rosso di 71 milioni).

Sul fronte del miglioramento dell'offerta, le FFS segnalano che in settembre verrà inaugurata la nuova stazione Cornavin a Ginevra, mentre a novembre partirà il progetto "Léman 2030" a Losanna. Entro fine anno i clienti beneficeranno di un'ottima ricezione della rete mobile a bordo di tutte le carrozze del traffico a lunga percorrenza grazie all'installazione degli amplificatori di segnale. Ed entro fine 2015 i clienti potranno accedere gratuitamente a Internet in circa 100 stazioni.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.