Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Un convoglio a Göschenen.

Keystone/MARTIN RUETSCHI

(sda-ats)

Dall'introduzione del nuovo orario e la relativa apertura della galleria di base del San Gottardo, sui treni che percorrono la vecchia linea di montagna non ci sarà più personale di convoglio, ma solo macchinisti.

È quanto deciso dalle Ferrovie Federali Svizzere (FFS). Il Sindacato del personale dei trasporti (SEV) teme un possibile taglio di posti di lavoro in Ticino.

A partire dal cambiamento d'orario di dicembre 2016 sulla linea di montagna verrà ancora utilizzato solo "il materiale rotabile dei treni regionali", malgrado questa manterrà, almeno fino a fine 2017, lo status di linea a traffico di lunga distanza, scrive il SEV in un comunicato odierno.

Le FFS - precisa il sindacato - prevedono tuttavia una scorta solo nei treni a lunga percorrenza. La minaccia concreta è una riduzione del 20% degli effettivi nelle sedi di Bellinzona e Chiasso.

Alcuni politici, agenti di treno e macchinisti si sono riuniti questa mattina a Faido per manifestare contro tale misura e spiegare le proprie ragioni. Il SEV sostiene che su una linea vecchia di oltre 100 anni e con molte gallerie lunghe non è possibile garantire una sicurezza ottimale senza il personale del treno.

I dipendenti non sono solo responsabili del servizio ma sono stati adeguatamente formati anche per l'evacuazione in galleria e in caso di incendio. In caso di perturbazioni, il solo macchinista non può occuparsi anche dei viaggiatori dovendosi già dedicare al convoglio, viene sottolineato nella nota.

Le FFS - contattate dall'ats - hanno affermato che non sono contemplati licenziamenti. La "normale fluttuazione" coprirà tale rinuncia, ha affermato la portavoce Roberta Trevisan ricordando che sono in circolazione anche altri treni regionali, in Ticino e nel resto della Svizzera, privi di accompagnamento.

In un comunicato diffuso nel pomeriggio in risposta alle accuse mosse dal SEV, le FFS sostengono che la rinuncia all'accompagnamento è legata alla necessità di "ridurre sistematicamente i costi di esercizio" a causa della futura marcata riduzione della domanda sulla linea di montagna in seguito all'apertura della galleria di base.

Dai 9000 passeggeri giornalieri, che transitano oggi tra Göschenen (UR) e Airolo, dal 2017 si prevede di passare a circa 500. L'obiettivo - sostengono le FFS - è mantenere un'offerta adeguata e simile a quella odierna.

"La sicurezza dei viaggiatori e del personale ha la massima priorità per le FFS", si legge nella nota delle FFS. Secondo quest'ultima, un'analisi conferma che i collegamenti RegioExpress (previsti tra Lugano/Bellinzona ed Erstfeld) manterranno i livelli di sicurezza richiesti e che sono conformi alle condizioni imposte dall'Ufficio federale dei trasporti anche senza accompagnamento.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS