Navigation

FFS: scoperta causa delle nausee in viaggi su treni ICN

Questo contenuto è stato pubblicato il 29 luglio 2011 - 15:30
(Keystone-ATS)

È stata scoperto il motivo per il quale alcuni viaggiatori soffrono di nausea e mal di testa viaggiando con i treni a cassa inclinabile ICN. Un rimedio - di natura tecnica - esiste, ma le FFS per il momento non lo adotteranno per motivi finanziari.

Per scoprire le cause di questo problema le FFS hanno condotto uno studio in collaborazione con il costruttore Alstom, un neurologo dell'università di Zurigo e alcuni ricercatori del Mount Sinai Hospital di New York.

Durante la ricerca sono stati effettuati viaggi tra Winterthur (ZH) e Gossau (SG) con 200 volontari, la metà dei quali hanno dichiarato di soffrire il "mal di mare" viaggiando con gli ICN. Alcuni viaggiatori avevano sensori per misurare la forza dell'accelerazione laterale all'interno dell'orecchio.

Secondo i risultati della ricerca, pubblicati sulla rivista "The FASEB Journal", l'elemento determinante per l'apparizione del disturbo è il momento nel quale la carrozza inizia a pendolare. Se la carrozza si inclina con un leggero ritardo rispetto all'accelerazione laterale generata dalla curva c'è effettivamente un rischio di nausea.

Nello studio i ricercatori forniscono una soluzione al problema della nausea, soluzione che viene definita "di facile installazione". Concretamente si dovrebbe modificare il meccanismo che "legge" le curve e che fa inclinare il treno.

Le FFS non intendono però modificare i loro treni. Introdurre i cambiamenti proposti dalla ricerca costerebbe diversi milioni di franchi, ha spiegato all'ats il portavoce dell'ex regia Christian Ginsig.

"È tuttavia immaginabile che il sistema proposto venga installato durante la revisione generale dei 44 convogli ICN che inizierà nel 2012", ha aggiunto Ginsig. "Nessuna decisione è ancora stata presa", ha comunque precisato.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?