Navigation

FFS: tracce amianto nelle porte, sospesi lavori su carrozze Bpm 51

Questo contenuto è stato pubblicato il 20 febbraio 2012 - 16:03
(Keystone-ATS)

Durante i lavori di trasformazione delle carrozze viaggiatori del tipo Bpm 51, alle Officine di Bellinzona sono state accertate piccole superfici di rivestimento con residui di amianto, nella zona delle porte. Per questo l'attività è stata immediatamente interrotta, in attesa di verifiche, fanno sapere in un comunicato le FFS.

Specialisti della Suva e del servizio medico della ferrovia dovranno ora chiarire sul posto quando e in che modo i lavori potranno ricominciare.

Per i viaggiatori - precisano le Ferrovie - non vi è stato né sussiste alcuna minaccia, poiché le piccole zone contengono amianto in forma legata accessibile unicamente nell'ambito di attività di manutenzione.

Nel febbraio 2010 le FFS hanno deciso di sottoporre la flotta di 180 carrozze a un piano del tipo 51 a una rivalorizzazione tecnica. Si tratta di lavori necessari a garantire ai viaggiatori un numero sufficiente di posti comodi, fino alla completa messa in servizio del nuovo materiale rotabile che è stato ordinato. La trasformazione comprende "la rigenerazione dei carrelli, l'installazione della domanda di frenatura d'emergenza, la posa di porte di accesso automatizzate con apertura selettiva, nuovi rivestimenti dei sedili e la rimozione della ruggine dalla cassa dei veicoli".

Venerdì a Bellinzona su un veicolo del tipo Bpm 51 è stata trovata una piccola superficie di verniciatura con resti di amianto, nel rivestimento nella zona delle porte e nel tetto del settore di accesso. Sebbene si tratti di una quantità di assai ridotta e in forma legata, i lavori sui veicoli di questa serie sono stati immediatamente interrotti tanto a Bellinzona quanto a Olten, precisano le FFS.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?