Tutte le notizie in breve

Il numero del Telefono amico (143) e quello per bambini e ragazzi offerto da Pro Juventute (147) sono a disposizione delle persone in difficoltà 24 ore su 24.

Keystone/GAETAN BALLY

(sda-ats)

"Parlare può salvare": è il motto della campagna nazionale di prevenzione dei suicidi, rilanciata oggi dalle Ferrovie federali dopo l'incidente avvenuto stamane alla stazione di Olten (SO), in cui due persone si sono verosimilmente tolte la vita.

La campagna era stata promossa lo scorso anno dalle FFS e dal canton Zurigo.

Il sito internet www.parlare-puo-salvare.ch offre informazioni e suggerimenti su come affrontare l'argomento nonché indirizzi per le persone che attraversano una crisi esistenziale e spesso hanno difficoltà a chiedere aiuto in modo tempestivo. Oltre ai familiari e agli amici anche i dipendenti e i passeggeri sono spesso confrontati con situazioni difficili da accettare. Sulla pagina web sono inoltre a disposizione consigli su come i media possono informare dei casi di suicidio evitando di stimolare comportamenti di emulazione, indicano le FFS in una nota odierna.

Anche il personale delle ferrovie è formato per riconoscere più facilmente i soggetti a rischio e agire in modo adeguato. L'ex regia federale sta inoltre collaborando con alcune strutture e università per mettere a punto nuove tecnologie d'individuazione rapida delle persone a rischio di suicidio.

Il sito contiene in particolare tre videoclip di Momo Christen, Daniel Göring e Philipp Zürcher, sopravvissuti a un tentativo di suicidio, che "raccontano la loro storia per infondere coraggio e speranza in altre persone", precisa il comunicato.

"Parlare può salvare" è una campagna congiunta delle FFS e del Canton Zurigo, coordinata dal dipartimento di Prevenzione e promozione della salute dell'Università di Zurigo e sostenuta dall'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP), Telefono Amico, Federazione Svizzera delle Psicologhe e degli Psicologi (FSP), Sindacato del personale dei trasporti (SEV), nonché dalla compagnia ferroviaria BLS.

Le FFS ricordano inoltre che il numero del Telefono amico (143) e quello per bambini e ragazzi offerto da Pro Juventute (147) sono a disposizione delle persone in difficoltà 24 ore su 24.

www.parlare-puo-salvare.ch

SDA-ATS

 Tutte le notizie in breve